Via Francesco Caracciolo, n°26 | 80122 Napoli

PERCHÈ LE PROTESI AL SENO

Sono sempre più sicure!

Fino agli anni ’80 la produzione e l’utilizzo di protesi mammarie non era regolamentata da leggi specifiche. Negli Stati Uniti, prima, e successivamente in Europa si è resa indispensabile l’introduzione di una normativa specifica che ha regolamentato l’intero settore. I risultati?

Decisamente buoni. Oggi possiamo contare sull’impiego di protesi molto più sicure che in passato.

I fabbricanti sono vincolati a standard di produzione decisi a livello europeo che rendono obbligatorie alcune procedure come ad esempio la registrazione delle protesi immesse sul mercato e numerosi controlli di qualità prima che il prodotto venga avviato alla commercializzazione.

Dagli anni 60 ad oggi la costituzione di base delle protesi mammarie è rimasta sostanzialmente invariata. Si tratta, infatti, di un involucro di elastomero (ovvero un polimero allo stato gommoso) che racchiude al suo interno un contenuto di natura variabile. In Europa, e quindi anche in Italia, il silicone è in assoluto il contenuto più largamente utilizzato anche se ultimamente alcune aziende stanno sperimentando nuovi materiali come ad esempio il titanio. Le protesi in gel di silicone sono certamente tra le più affidabili oltre che quelle in grado di garantire la maggiore naturalezza del risultato finale. 

 

LO SCANDALO DELLE PROTESI PIP ALLORA ? 

Qualche anno fa i media di mezzo mondo hanno messo sotto inchiesta le protesi PIP, prodotte da una azienda francese, poi fallita. Il problema riguardava l’impiego di silicone scadente e non certificato. Si trattava di protesi che presentavano un elevato rischio di rottura, motivo per cui il nostro ministero della salute ne autorizzò l’espianto a carico del sistema sanitario nazionale. Il fatto che quelle protesi fossero difettose non deve gettare nell’ombra i produttori (la stragrande maggioranza) che al contrario si attengono ai rigidi protocolli nazionali ed internazionali di fabbricazione.

E’ un pò come avverrebbe con un qualsiasi altro tipo di scandalo. Si pensi ai, piuttosto frequenti, scandali alimentari. Se un produttore di latte o di formaggio o di qualunque altro alimento decidesse ad esempio di immettere sul mercato prodotti scadenti e non sicuri questo non vorrebbe dire che dall’oggi al domani tutti i prodotti alimentari rientranti in quella categoria, debbano essere classificabili come non sicuri. Siamo evidentemente nell’ambito della truffa ed i controlli esistono (fortunatamente) proprio per questo. Per arginare e scoprire le truffe. Lo stesso può avvenire in campo industriale o in campo medico. Per la cronaca, Jean-Claude Mas, il fondatore della società Pip (Poly implant prothese) fu condannato a 4 anni di carcere con una multa di 75 mila  dal tribunale di Marsiglia. 

LE PROTESI DI OGGI SONO SICURE

Le protesi di oggi sono senz’altro sicure. Quelle in gel silicone sono anche, grazie ai numerosi studi effettuati negli ultimi decenni, tra le più controllate e le più evolute tecnicamente. 

Naturalmente le protesi non sono tutte uguale così come non esistono macchine tutte uguali. Sebbene tutti i produttori siano vincolati regole e norme di standardizzazione uniformi per garantire la sicurezza dei prodotti solo alcuni fabbricanti di altissima gamma sono in grado di garantire la massima qualità del prodotto finale. 
Il silicone ad esempio deve essere di altissima purezza. Il gel utilizzato come riempimento, invece, deve essere resistente alle pressioni per evitare la possibile fuoriuscita del gel in caso di apertura dell’involucro.

Per verificarlo, provate a con indice e pollice della mano a pizzicare la protesi. Se il gel è sufficientemente coeso è praticamente impossibile spezzare la catena polimerica della struttura di silicone.

In conclusione. Sono certo che l’evoluzione della tecnologia ci riserverà gradevoli sorprese in futuro grazie all’impiego di materiali sempre più sofisticati ed altamente biocompatibili. I controlli ci sono e ci saranno sempre e non devono essere eventi straordinari come lo scandalo delle protesi PIP o qualche sensazionale scandalo giornalistico a farci maturare paure spesso infondate.                  

A fare la differenza saranno sempre e solo le informazioni chiare e la professionalità del medico che abbiamo di fronte.