Via Francesco Caracciolo, n°26 | 80122 Napoli

PROTESI AL SENO?

Ecco come scegliere quelle giuste !

La mastoplastica additiva è senza dubbio l'intervento estetico più richiesto al mondo. Nella grande maggioranza dei casi l'aumento del volume del seno si ottiene mediante protesi in silicone.

Come Professore di Chirurgia Plastica e Direttore della scuola di specializzazione in chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica dell'Università della Campania L. Vanvitelli (Napoli) proverò in questo articolo a presentare una panoramica delle diverse protesi presenti sul mercato per fare chiarezza.

Innanzitutto c’è da dire che la protesi non la sceglie il paziente (la profonda conoscenza delle protesi mammarie così come di qualsiasi supporto o device in uso in chirurgia estetica è assolutamente specialistica!): è infatti compito del chirurgo plastico individuare il tipo di protesi che meglio si adatta alle caratteristiche individuali, della specificità dei tessuti e della fisionomia di ogni singolo paziente al fine di ottenere il miglior risultato. Non esiste la protesi idonea per tutti, per cui è opportuno che ogni paziente sia sempre edotto dallo specialista al fine di condividerne le scelte non solo dal punto di vista dell'intervento e degli obiettivi ma anche dal punto di vista della scelta delle protesi. 

PROTESI AL SENO

Attualmente esistono diversi tipi di protesi per la mastoplastica/mastopessi additiva. Esse sono tra di loro differenti per volume, forma, contenuto, consistenza e testurizzazione.

Per una discussione “non specialistica” si possono suddividere in protesi tonde e protesi a goccia (anatomiche). Sia le une che le altre possono essere di volume, larghezza, proiezione differente. Non è vero che le protesi tonde conferiscono un seno tondo ed innaturale mentre le protesi anatomiche conferiscono un seno naturale. Il risultato finale scaturisce sempre da una serie di fattori, ma in modo particolare dalla esperienza e dall’abilità del chirurgo operatore.

Ma allora quali sono le protesi migliori per me ?

Non esiste una risposta sempre valida a questa domanda perché dipende dagli obiettivi che ci si pone e, come già detto, dalla unicità fisionomica di ciascuna paziente. Per questo motivo è assolutamente sbagliato pensare di rispondere alla domanda senza l’aiuto di uno di uno specialista.

Non esiste la protesi universale, il volume in ml non corrisponde alla taglia di reggiseno, ad esempio una protesi da 300 ml non corrisponde ad una terza taglia, così come una protesi da 400 ml non corrisponde ad una quarta di reggiseno; ma certamente esiste una protesi più adatta ad un paziente piuttosto che ad un altro. La “personalizzazione” dell’intervento consente di ottenere i migliori risultati in mastoplastica, risultati individuali e perfettamente corrispondenti ai desideri del paziente e alle sue caratteristiche fisionomiche.

 

Protesi anatomica (o cosiddetta “a goccia”)

Protesi arrotondata

Le protesi al silicone sono tutte uguali ?

Come già detto le protesi al silicone sono senza dubbio molto diffuse. Queste protesi, tuttavia, pur essendo costituite dallo stesso materiale possono presentare un livello differente di consistenza e densità con risultati estetici anche molto diversi gli uni dagli altri. Solitamente una protesi con gel in silicone più denso tenderà ad essere avvertita come più dura e rigida al tatto.

Diversamente una protesi meno coesiva sarà avvertita come più morbida ed anche più naturale nel suo effetto e al tatto. Tuttavia, nelle pazienti troppo magre questo genere di protesi potrebbe presentare qualche inconveniente come piccole pieghe della pelle in prossimità della protesi nella superficie sottocutanea.

Si tratta del ben noto fenomeno del wrinkling, letteralmente "ondulazione" o "increspatura" riferita appunto all'aspetto ondulato della cute che “copia” la superficie protesica sottostante particolarmente evidente in alcune posizioni assunte dalla paziente. Se si dovesse verificare il fenomeno del wrinkling la soluzione sarebbe quella di sostituire la protesi, riposizionarla nella tasca protesica magari sistemandola più in profondità, quindi sotto al muscolo grande pettorale oppure scegliendo una protesi con un maggior grado di ripienezza, consistenza o con una maggiore proiezione.

 

Le protesi in poliuretano 

Le protesi in poliuretano hanno la caratteristica di aderire meglio ai tessuti e danno, rispetto alle protesi tradizionali, un minor numero di alcuni effetti collaterali, tra cui la rotazione e il ribaltamento protesico. Inoltre altro aspetto da non sottovalutare sono poco esposte al problema della contrattura capsulare che rappresenta anche una delle complicanze più frequenti negli interventi di mastoplastica additiva.

Qualche anno fa tali protesi vennero relazionate ad una certa “cancerogenicità” dello strato in poliuretano, poi confutata da studi recenti. 

Quando parliamo di protesi al poliuretano, tuttavia, non dobbiamo dimenticare che all'interno delle protesi è sempre presente del gel a base di silicone. Queste protesi sono infatti, identiche per composizione e forma a quelle di gel silicone ma sono rivestite da un foglietto esterno in poliuretano. Questo materiale attecchisce maggiormente ai tessuti per le sue caratteristiche fisiche. Esse necessitano di elevata esperienza del chirurgo plastico che le andrà ad impiantare in quanto sono difficili da riposizionare in caso di errore. 

 

Ma le protesi al seno durano per sempre 

Questa è la domanda classica che si pongono tutte le donne che si sottopongono ad un intervento di mastoplastica additiva. Sfatiamo subito un mito, quello della “protesi eterna”. Nulla è per sempre, in chirurgia estetica meno che mai. La prima cosa da sapere quando ci si sottopone ad un intervento di mastoplastica additiva è che entro un determinato lasso di tempo ci si potrà sottoporre ad un nuovo intervento, legato all’invecchiamento spontaneo della protesi. E’ consigliabile che tutte le protesi impiantate vengano sottoposte ad un controllo accurato clinico strumentale annualmente, con la possibilità di una revisione/sostituzione dopo circa 10/15 anni dal loro impianto. 

Naturalmente anche in questo caso molto dipende dalla storia della singola paziente, oltre che dalla qualità della protesi impiantata o dall’abilità del chirurgo operatore. Così come i tessuti viventi, le protesi vanno in contro ad invecchiamento: per questo motivo esse con il tempo possono perdere un certo grado di consistenza ed elasticità, nonché di ripienezza, per cui il seno col tempo può perdere tono e volume sia per il naturale invecchiamento dei tessuti viventi, sia per il progressivo degrado del manufatto protesico. È importante inoltre considerare altre variabili relative al momento in cui la paziente si sottopone all’intervento chirurgico, tra cui età ed altri elementi che possono incidere sull’aspetto e sul risultato estetico di un seno “rifatto”.

In generale non possiamo prevedere quanto le mammelle cambieranno nel tempo. Questo dipenderà non solo dalla gravidanza o meno ma anche da altri fattori come le variazioni ponderali, dietetiche, ormonali e lo stile di vita. In generale la risposta che più mi sento di dare è: niente è eterno, ma ciò che conta è riuscire ad ottenere il miglior risultato possibile e nel modo più naturale possibile per ciascuna paziente rispettandone l'individualità e l'unicità. Piuttosto che parlare della durata delle protesi, è più corretto parlare della durata del risultato e della soddisfazione estetica raggiunto da ogni singola paziente. Come abbiamo detto, esso sottende a numerose variabili nello stesso paziente oltre che da soggetto a soggetto. Sicuramente una protesi di ottima qualità è una protesi sicura per la salute della paziente e anche una protesi che mantiene inalterate le proprie caratteristiche per più tempo rispetto alle altre: personalmente impiego le medesime protesi da oltre 25 anni, e sulla base della mia personale casistica, con una sinistrosità praticamente pari a zero, le ritengo senza dubbio le migliori in assoluto e continuerò ad impiegarle fino a che il mercato non offrirà qualcosa di ulteriormente perfezionato.

 

Casi di mastoplastica additiva e mastopessi del Professor  GA Ferraro (Professore universitario, Chirurgo Plastico, Napoli)

UN BEL SENO E SENZA RISCHI, è possibile !

Rifarsi il seno è senza dubbio l'intervento più ambito dalle donne sia in Italia che nel resto del mondo. Solo nel nostro paese si effettuano ben più di 50.000 operazioni di mastoplastica additiva all'anno. 

Ma se l'aumento del seno è tra le procedure di chirurgia plastica ed estetica a Napoli e in Italia più richieste, altrettanto vero è che ogni persona prima di sottoporsi ad un intervento di aumento seno additiva va incontro a dubbi, paure ed incertezze. Si tratta nella maggior parte dei casi di dubbi assolutamente legittimi. L'importante è non credere alle leggende metropolitane o alle fake news. Il web, talora è depositario di notizie erronee e conoscenze fasulle riportate da fantomatici esperti.

Molti ricorderanno la notizia lanciata in rete qualche anno fa delle protesi che esplodevano in volo. Si trattava di una autentica bufala eppure furono in molti a crederci. L'obiettivo di questo articolo è aiutare i lettori a fare più chiarezza sull'argomento e fornire quanto meno un corretto orientamento del lettore sull argomento. Spesso c'è la convinzione da parte di alcuni utenti che non sia possibile fare  una chirurgia estetica ed una medicina estetica di qualità a Napoli e che bisogna recarsi al nord per cercare i migliori specialisti. Nulla di più sbagliato. A Napoli operano alcuni specialisti di assoluta levatura internazionale le cui competenze sono riconosciute in tutto il mondo.

Come Direttore della scuola di specializzazione in chirurgia plastica ricostruttiva ed estetica dell'Università della Campania L. Vanvitelli (Napoli) sono assolutamente certo che nel meridione vi siano chirurgi plastici di altissimo livello in grado di offrire con competenza e professionalità risultati eccezionali. Insomma un bel seno è possibile e senza rischi, a patto che ci si affidi a buone ed esperte mani ma soprattutto a specialisti in chirurgia plastica.

In quest'altro articolo esamineremo una delle più temute complicanze in mastoplastica additiva: la contrattura capsulare e alle soluzioni adottabili per prevenirle e gestirle correttamente e senza paura. 

La contrattura capsulare è sinonimo di rigetto protesico. E' una delle principali principali preoccupazioni degli utenti nei forum dedicati alla chirurgia estetica e alla mastoplastica additiva in particolare. La capsula periprotesica è una normale “difesa” dell’organismo verso il corpo estraneo (la protesi) che riconosce ma non può espellere. Una capsula di I grado è normale ma se essa si ispessisce, si va verso il II, III, IV grado per cui da fisiologica diventa patologica, con una mammella o entrambe dure e dolenti, oltre che antiestetiche.

E' un problema che può presentarsi immediatamente dopo l'intervento o addirittura dopo anni ed è generalmente legato a più fattori, anche individuali.

In base alla mia esperienza posso dire che principalmente si tratta di un fenomeno legato a due fattori: la qualità delle protesi da un lato e l' esperienza del chirurgo dall'altro. Infatti, anche se dovesse presentarsi una contrattura capsulare è molto importante mettere in atto sin da subito tutte le soluzioni possibili ed in particolare una terapia farmacologica adeguata e tempestiva. La cosa che mi preme sottolineare è che quello della contrattura capsulare non è un fenomeno assolutamente inevitabile ma al contrario, può essere attentamente prevenuto, gestito e risolto quando si presenta. 

Fino a qualche decennio fa, il 30 % circa delle protesi impiantate andava incontro al fenomeno della contrattura capsulare addirittura nel giro di pochi mesi dall'intervento di mastoplastica additiva.  Oggi grazie all'evoluzione tecnologica delle protesi e soprattutto all'abilità del chirurgo plastico è possibile ridurre  il problema della contrattura capsulare al 2% dei casi, o anche meno, a seconda delle casistiche o dell’esperienza del singolo professionista.  

 

Le protesi possono influire sulla probabilità di incapsulamento ?

La scelta della protesi è un compito fondamentale del chirurgo plastico ed è indubbio che scegliere protesi di qualità, affidabili e sicure è un compito che spetta al professionista. Inoltre la scelta della protesi può, indirettamente impattare sul problema della contrattura. Ecco perché dico che risparmiare sul costo delle protesi non è mai una buona idea.

Il chirurgo plastico attento è colui che, non solo deve proporre le protesi in grado di garantire il massimo risultato e la massima sicurezza, ma anche  quelle che meglio si adattano alla conformazione fisica della paziente, dei suoi tessuti e della sua fisionomia complessiva. Non è infatti, da sottovalutare tra le cause della contrattura capsulare il movimento dell'impianto (magari non adatto alla specifica conformazione anatomica della paziente), l’abrasione della protesi, l’insorgenza di complicanze peri-post operatorie che potrebbero indurre un incapsulamento patologico. 

Protesi anatomica (o cosiddetta “a goccia”)

Protesi arrotondata

Le protesi possono avere forma rotonda o con profilo anatomico a goccia. La scelta della protesi giusta dipende dall'obiettivo che chirurgo plastico e paziente si sono dati ma anche dalla condizione di partenza della stessa paziente.

Ad esempio le protesi a forma rotonda sono più indicate per le pazienti che desiderano aumentare il volume del proprio senso in modo moderato e per quelle donne che a seguito di una o più gravidanze presentano un seno svuotato o cadente.

Le protesi a goccia, al contrario, sono più indicate per quelle donne con pochissimo seno e che vogliono esaltare al massimo la proiezione del polo inferiore mammario.  

"Professore ho fatto l'intervento 5 anni fa. 1 anno fa ho partorito, ma non ho allattato. Ho intenzione di avere un secondo figlio ma dopo il parto avevo dolore alla mammella sinistra. Il chirurghi mi hanno detto che ho la contrattura capsulare. Devo per forza sottopormi ad un nuovo  intervento? Potrei aspettare qualche anno e farlo dopo il secondo bambino?"

Spesso arrivano al mio studio donne che mi pongono questo genere di domande. Naturalmente una risposta univoca per tutte non c'è. Anche in questi casi molto dipende dalla singola situazione. In questi casi il mio consiglio è il seguente: se l'ipotetica paziente non vuole sostituire le protesi non corre rischi significativi a breve termine e può tranquillamente aspettare se non è assillata dal problema estetico. La cosa importante è farsi controllare ecograficamente ogni sei mesi.

 

Se si è incapsulata solo una protesi, vanno tolte e sostituite entrambi o solo una?

Non è necessario sostituirle entrambe, a meno che le protesi siano state impiantate da molto tempo. In genere si sostituisce solo la protesi  con contrattura. Inoltre la contrattura capsulare di per sé non sempre richiede la sostituzione delle protesi e molto dipende, ancora una volta, dal tipo di protesi utilizzata e dal grado di contrattura, per decidere di conseguenza. In linea di massima è possibile affermare che a distanza di pochi anni è inutile sostituire tutte e due protesi, se l'altra  mammella dà un risultato gradevole e adeguato.

 

Come si presenta un seno contratto ?

In genere un seno contratto si presenta:

  • sollevato come posizione rispetto all'altro 
  • dolorante e più duro 

 

Cosa è possibile fare in caso di contrattura capsulare ?

Un ruolo importante è giocato dalla rapidità della diagnosi fatta dal chirurgo plastico e dall'inizio di una eventuale terapia farmacologica tempestiva ed adeguata. Ma alla base di questo fenomeno che resta ad oggi piuttosto raro, la mia raccomandazione principale è la prevenzione. Questo significa scegliere la protesi più adatta alla conformazione della paziente ed in particolare protesi mammarie non troppo grandi rispetto al tessuto che le deve contenere. Infine la scelta dei materiali è un altro aspetto di non poco conto. 

 

Casi di mastoplastica additiva del Professor GA Ferraro (Professore universitario, Chirurgo Plastico - Napoli)

Protesi anatomica (o cosiddetta “a goccia”)

Inserisci la tua migliore mail per ottenere una consulenza gratuita e senza impegno.

    - Leggi di più